DOCUMENTAZIONE - Storia e politica italiana e internazionale





INDICE

HOME

Presidenziali USA

Presidenziali Francia 07

COREA DEL NORD

EUROPA

ITALIA - STORIA

Pensiero Economico

IRAQ

ONU

PALESTINA

IRAN

AFGHANISTAN PAKISTAN

RUSSIA E CAUCASO

RIVOLUZIONE RUSSA

MEDIO ORIENTE

GLOBALIZZAZIONE

KOSOVA

ECHELON

UZBEKISTAN

AFRICA

ATTENTATI SPAGNA

MONDO

MEDIA

 

CERCA NEL SITO

 

Linkback:

Territorio scuola

Sensagent

Leprechaun


Il Pakistan descrive l'India come "un caso appropriato" per un colpo preventivo. 

Islamabad, 7 aprile IRNA -- Lunedì il Pakistan ha indicato l'India come un caso appropriato per un colpo preventivo dato che l'"India possiede armi di distruzione di massa e ha posseduto anche armi chimiche e biologiche assieme con paesi vicini." 

L'"India è un caso appropriato per un colpo preventivo", ha detto a un reporter a Islamabad il Ministro dell'Informazione Sceicco Rashid Ahmed. "L'India sta prendendosi un vantaggio ingiustificato profittando della nostra sincerità", ha detto Rashid rispondendo ai commenti del Ministro degli Esteri Indiano Yashwant Sinha, che ha descritto il Pakistan come un "caso appropriato" per un'azione militare nello stile di quella USA in Iraq perché ha armi di distruzione di massa, protegge terroristi e manca di democrazia. 

"Se l'India pensa così, e potrebbe fare così, noi abbiamo allora anche il diritto a un colpo preventivo", ha insistito il Ministro delle Informazioni pachistano. "Noi abbiamo evidenze ed argomenti che rendono più forte la nostra causa", ha detto, proclamando che l'India ha commesso massacri ad Ahmed Abad, una città del Gujarat, in modo molto simile alla Serbia. Ha detto Rashid che l'India possiede armi di distruzione di massa e mantiene anche armi di distruzione di massa, chimiche e biologiche coi paesi suoi vicini di casa. Non ha detto quali siano questi paesi vicini. 

Ha avvertìto che se l'India tentasse azioni contro il Pakistan "essa sarebbe eliminata dal globo." Le relazioni tra India e Pakistan, che hanno entrambi condotto test nucleari nel maggio 1998, sono tese. L'India accusa il Pakistan di "terrorismo di frontiera"- armando, addestrando e finanziando gruppi in Kashmir, accusa che Islamabad nega.

Il Kashmir, che ha provocato due delle tre guerre tra i due rivali nucleari fin dalla loro indipendenza dal dominio britannico nel 1947, è diviso e conteso da entrambi i paesi. I due si trovarono sull'orlo di una guerra l'anno scorso sul problema dei movimenti sul confine, con centinaio di migliaia di soldati schierati sui confini. Le truppe sono state ritirate l'anno scorso. 

Il Ministro degli esteri pachistano ha reagito irosamente anche a commenti del Ministro degli Esteri Indiano Yashwant Sinha. "Asserzioni aggressive da parte di leader indiani dovrebbero essere considerate nel contesto delle politiche del partito dominante Baharatiya Janata, per guadagnare consensi politici in casa propria", ha detto domenica il Ministro degli esteri Khurshid Mahmood Kasuri in una conferenza stampa a Lahore. Kasuri ha chiesto alla leadership indiana di evitare la politica delle dichiarazioni, e di lavorare per la pace nella regione così che i problemi dei popoli dell'Asia Meridionale possano essere risolti.

TK/MMZ/LS Fine


INDICE

Cerca nel sito: