DOCUMENTAZIONE - Storia e politica italiana e internazionale





INDICE

HOME

Presidenziali USA

Presidenziali Francia 07

COREA DEL NORD

EUROPA

ITALIA - STORIA

Pensiero Economico

IRAQ

ONU

PALESTINA

IRAN

AFGHANISTAN PAKISTAN

RUSSIA E CAUCASO

RIVOLUZIONE RUSSA

MEDIO ORIENTE

GLOBALIZZAZIONE

KOSOVA

ECHELON

UZBEKISTAN

AFRICA

ATTENTATI SPAGNA

MONDO

MEDIA

 

CERCA NEL SITO

 

Linkback:

Territorio scuola

Sensagent

Leprechaun


Rapporto ONU conferma esistenza uranio impoverito proveniente da proiettili reperito in Bosnia.

25 marzo [2003] - Il Programma (UNEP) ONU ha confermato oggi per la prima volta che dell'Uranio impoverito (DU), da proiettili usati in Bosnia Herzegovina nel 1994 e 1995, ha contaminato una sorgente di acqua potabile, e anche se questo non ha rappresentato un rischio immediato, l'agenzia ha raccomandato un monitoraggio su base regolare.

“Queste nuovissime scoperte dal lavoro di accertamento post-conflitto dell'UNEP non devono essere considerate causa di allarme", ha detto il Direttore Esecutivo Klaus Toepfer "Ciononostante, raccomandiamo che si prendano delle precauzioni, che il terreno e l'acqua potabile nei e vicino i siti dove la presenza di DU è stata confermata siano controllati su base regolare".

Il rapporto UNEP rilasciato a Sarajevo dice che il DU ha contaminato approvvigionamenti locali di acqua potabile in un sito, e che può ancora oggi essere trovato sotto forma di particelle di polvere sospese nell'aria. Ma nota che si sono registrati livelli di contaminazione molto bassi che non presentano rischi radioattivi o tossici immediati per l'ambiente o la salute umana.

Le raccomandazioni del rapporto includono la ricopertura dei punti contaminati con asfalto o terra pulita e di sorvegliare tutte le emergenze sanitarie. Pekka Haavisto, Presidente dell'UNEP per i progetti DU ha detto  che "Le scoperte di questo studio rimarcano ancora una volta l'importanza di adeguate operazioni di pulizia e misure di protezione civile in una situazione" di post-conflitto. "Ci auguriamo che questo lavoro abbia un ruolo nella protezione della salute umana e dell'ambiente nella sfortunata eventualità di conflitti futuri".

Le scoperte sono coerenti con i precedenti studi della UNEP eseguiti in Kosovo nel 2001, ed in Serbia e Montenegro l'anno scorso. La squadra UNEP includeva rappresentanti dall'Organizzazione Mondiale della Salute (WHO) e dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica (IAEA).

Nel capitolo sulla salute, il rapporto WHO conclude che, a causa della mancanza di valide registrazione di casi di cancro, le affermazioni circa un aumento nelle percentuali di effetti avversi alla salute dipendenti dal DU non possono essere provate. I dati scientifici esistenti sull'uranio e sugli effetti sulla salute del DU indicano che è estremamente improbabile che il DU possa essere associato con i problemi di salute riportati.

L'originale in inglese è qui: Notizia da sito ONU

 

INDICE

Cerca nel sito: